Karin la Sirena incoraggia tutte le persone!!

Karin sirena incoraggia persone

Traduzione Articolo di Mojca Marot

Karin Heuffel soffriva di sclerosi multipla anni fa, ma oggi è una delle due sirene professioniste in Slovenia, con licenza di apneista, cacciatrice subacquea e istruttrice subacquea internazionale che ha fatto in Italia a  Katabasis. Attualmente si sta preparando per il campionato mondiale di apnea di velocità dei 100 metri, dimostrando che per lei non ci sono ostacoli (nonostante le difficoltà).

La 32enne Karin Heuffel di Mirno vicino a Nova Gorica è una ragazza positiva e ottimista che è stata sorpresa da una malattia incurabile in un momento in cui era molto attiva nello sport e aveva chiaramente degli obiettivi davanti a sé. Voleva diventare una detective, ma la malattia l’ha fermata quando meno se lo aspettava.

La sua storia di vita è piena di alti e bassi, ma allo stesso tempo stimolante, poiché dimostra il potere della psiche e del nostro cervello, se solo non cediamo allo scoraggiamento.

Oggi Karin è La Siren (nome da favola per una sirena), l’attuale campionessa europea e l’unica slovena che pratica l’apnea di velocità oltre i cento metri.

È anche una delle due sirene professioniste qui, un’istruttrice internazionale di immersioni subacquee(apnea-freedive) con una licenza per l’immersione in apnea e persino la pesca subacquea.

Karin sirena incoraggia persone

“Mi piace delineare la storia della mia vita alle persone, così come tutti i volti della malattia che porta la sclerosi multipla. E quando mi sono ammalata, l’acqua mi ha aiutato molto”

Karin ha recentemente preso parte alla 18° Giornata internazionale Senza Sedia a Rotelle; in questa occasione le persone senza disabilità sono state anche informate delle insidie ​​nascoste di saltare e cadere in acqua!!

Presso la piscina di Slovenske Konjice con lo slogan “L’acqua prende, l’acqua ritorna”.

Organizzato dallo Slovenske Konjica Swimming Club e dall’Unione Internazionale delle Società IAHD Adriatic. I portatori di handicap, sia quelli finiti in sedia a rotelle che quelli che si sono ripresi con successo da un infortunio, hanno dimostrato di essere comunque perfettamente capaci sia sopra che sott’acqua. E quando Karin ha indossato la sua colorata pinna da sirena, ha attirato sguardi ammirati da molte ragazze con i suoi movimenti aggraziati.

Karin sirena incoraggia persone

“Io stesso sono stata attiva nello sport da quando ero una ragazzina. Mi occupavo di ginnastica e nuoto allo stesso tempo. Ma la mia vita è stata sconvolta quando, all’età di 16 anni, ho scoperto la mia compagna – la Sclerosi Multipla (SM),per questo motivo ho dovuto rinunciare all’attività sportiva. Quando all’improvviso sono diventata cieca all’occhio sinistro, i medici hanno inizialmente pensato che la colpa fosse del nervo ottico. Quando nemmeno l’infusione ha aiutato, hanno pensato che la colpa fosse del tumore e in seguito anche della malattia di Lyme. Ma nulla di tutto ciò è stato confermato. È stato solo dopo tre anni di indagini, quando è stato prelevato il mio liquido cerebrospinale, che mi è stata data la diagnosi finale: SM. Non volevo accettare la diagnosi per molto tempo, ma purtroppo la condizione peggiorava di giorno in giorno. Ogni mattina vomitavo, il mio corpo diventava formicolio e doloroso. Ero molto debole. Hanno suggerito il trattamento con farmaci biologici. A giorni alterni dovevo preparare io stesso il medicinale, mescolarlo e infine iniettarlo, il che era piuttosto fastidioso. E non potrei andare da nessuna parte senza di essa. Ma più la medicina mi ha aiutato, più mi ha distrutto. Le reazioni sono state molto forti ea volte riuscivo a malapena a ricompormi fino a mezzogiorno” –

Karin ci racconta la sua storia di vita.

A quel tempo era ancora una studentessa, sognava di diventare un giorno una detective. Ma all’età di 17 anni era così debole che dovette anche rinunciare temporaneamente alla scuola.

Ma ha continuato a nuotare, perché l’acqua era l’unica cosa che non l’ha mai ostacolata e funziona bene per lei!!! Quando è stata classificata come disabile a causa della malattia (e ha anche iniziato a gareggiare per l’Associazione Sclerosi Multipla di Gori), ha iniziato a ottenere ottimi risultati.

Appena finito il liceo, si è iscritta alla Facoltà di Sport. E ha superato con successo gli esami, nonostante le sue “formiche”, come dice lei.

Il perseverare….

“Dopo un po’, la mia amica MS è tornata a trovarmi, perché non si era dimenticata di te. Ho cambiato farmaco e sono finito su pillole che hanno causato reazioni gravi con un ritardo. Ho anche guadagnato peso, fino a 40 chilogrammi.Era disperazione, così un giorno mi sono detto che non sarebbe più andata avanti così. E ho ricominciato. Prima con esercizi di stretching, poi dimenando in piscina e ancora con il nuoto”

Ricorda Karin, che un giorno vide un poster che invitava a un corso di snorkeling. Pensava di volerlo fare da sola, quindi si iscrisse e si allenò duramente, ottenendo alla fine la licenza come apneista e pescatore subacqueo.

“Un giorno ho incontrato anche una ragazza che durante il giorno era impegnata in immersioni artistiche.Si è messa una coda di pesce, si è tuffata a una certa profondità con gli occhi aperti ed ha eseguito acrobazie subacquee, per tutto il tempo sorridente e molto elegante. Quando mi ha dato la sua pinna e l’ho provata, sapevo di essere nata anche per questo”, ci racconta Karin, che è stata nuovamente colpita dalla malattia circa un anno dopo. “Non riuscivo a sentire nulla dal collo in giù, avevo formicolio su tutto il corpo, i polmoni mi facevano male. Era così brutto che non potevo nemmeno sdraiarmi. Ho passato sette mesi in ospedale, quando sono tornato a casa ho ricominciato.Per prima cosa, ho camminato lentamente dalla stanza al bagno, quando mi ci sono voluti 20 minuti per percorrere tutti i 10 metri. Mi stavo aggrappando al muro con le mani e mi muovevo lentamente. Questo mi ha reso così stanco che ho dormito la maggior parte del giorno. Poi mia madre mi comprò un pallone di spugna in modo che potessi allenarmi anche con le mani. All’inizio è stato così difficile e faticoso che ho pianto molte volte e ho lanciato la palla tra gli armadietti. Ma per ogni successo devi pagare un prezzo e la perseveranza ha ripagato di nuovo per me. Dopo quattro mesi ho iniziato ad allenarmi in piscina e ho praticato prima l’apnea, cioè l’apnea. Un mese dopo nuotavo normalmente. Ad agosto 2018 ho partecipato con altre due ragazze al Campionato Europeo delle Sirene, dove noi slovene abbiamo ottenuto un grande successo.Siamo stati primi nella staffetta, secondi nella danza artistica subacquea e migliori in estetica e pinneggiamento”

Karin la sua storia di vita!! Oggi, da sirena, organizza anche feste di compleanno private in piscina e animazioni varie in hotel, scatta foto e video di film.

Karin sirena incoraggia persone

“Non sto ancora bene, ma la malattia si è fermata. Mi ha lasciato un formicolio al fianco destro, ma non mi dispiace perché ora sono abbastanza allenato. Corro dieci chilometri al giorno e faccio respiri molto profondi, perché mi dà una sensazione di libertà.Quando sei nel profondo, non ci sono problemi e pensieri che ti disturbano. Ti godi il momento di libertà e penso che sia un ottimo esercizio per controllare l’ego e il cervello”, afferma il nostro interlocutore, a cui piace rendere consapevoli sia gli adulti che i bambini del fatto che molte cose si possono ottenere e persino superare con la forza di volontà . “E sono felice se posso anche aiutare gli altri e rallegrarli con la mia storia”

conclude Karin Heuffel.

FOTO1: La sirena Karin Heuffel con la cantante Maja Založnik! Per la quale ha girato parte del video della sua canzone Voda sem, ti si dlan. Foto personale

FOTO2: Karin con Ljilja Slisković, la migliore atleta degli sport non olimpici in Bosnia ed Erzegovina per il 2019. Archivio personale fotografico

FOTO3: Karin Heuffel nella piscina equestre, quando incoraggiava anche le persone sane. Foto di Aleš Kovač

FOTO3: Karin in compagnia delle future sirene. Foto di Aleš Kovač

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere aggiornato sugli Eventi in programma, le novità del Blog.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri post che potrebbero interessarti

DIN_AMICA

DIN_AMICA

Din_Amica: L’ Acqua…Lei respira, è conduttrice di energie e stati vibrazionali, e ha un ruolo di mediatrice in questo mondo.

Share This